L'UNICO FESTIVAL ITALIANO DEDICATO INTERAMENTE ALLE SCUOLE DI CINEMA

DEL MONDO

 

***

 

THE ONLY FESTIVAL IN ITALY

DEVOTED ENTIRELY TO FILM SCHOOLS

AROUND THE WORLD

 

® nome e progetto depositati © copyright 2014 - FreeSolo Produzioni srl

A walnut shell for the hull, soft bread for the deck, toothpicks for the masts, and newspaper snippets for the sails: a galleon, maybe even a pirate ship. A game for kids. This is the logo we’ve chosen for the Montefeltro Film School Festival, an event set in the heart of one of the most unspoiled and charming valleys in all of Romagna: the Montefeltro, the ancient, noble land where Arts and Culture have been safeguarded since the 1400s.


Why a galleon for the logo? In Moby Dick, Herman Melville writes:

“Queequeg was a native of Rokovoko, an island far away to the West and South. It is not down in any map; true places never are . . .” A galleon to embark upon a journey towards a destination that’s hard to reach, but true; a place that lies somewhere out there, in the future of younger generations, of film students. The galleon and, therefore, the metaphorical image of the “school” with which to reach this island that isn’t found on any maps, lost in the ocean, but which could reveal a life’s purpose through the opportunity to obtain, at least, an understanding of a profession that today is greatly sought after, but so hard and anything but romantic.


A Festival in Italy, now in its second edition, innovative and absolutely unique, devoted entirely to film schools. An international showcase where film students can display their work, meet and exchange with one another, in a particularly evocative location full of cinema history. 
In fact, Pennabilli, thanks to the screenwriter Tonino Guerra who lived here, hosted the greatest filmmakers from around the world, from Michelangelo Antonioni to Wim Wenders, Andrej Tarkovskij to Theo Angelopoulos, just to name a few. That’s why we are committed, over the next five years, to making Pennabilli a beacon for all film schools across the world, a safe harbor where these galleons may take refuge.

The Festival’s five days around Pennabilli will give young filmmakers the feeling of having been, at least once in their lives, at the helm of an important event. And the inhabitants of Pennabilli will be proud to host, in their town, a Festival that is finally original and one of a kind. And above all, necessary.

 

Maurizio Zaccaro

Artistic Director Montefeltro F.S.F. 2016

 

 

Un guscio di noce come carena, mollica di pane per il ponte, stecchini per alberi e ritagli di giornale per le vele: un galeone, magari corsaro. Un gioco da bambini. Il logo del nostro Festival ambientato nel cuore di una valle fra le più intatte e affascinanti della Romagna e che, senza ripensamenti, abbiamo chiamato evocando il Montefeltro, antica e nobile terra dove fin dal 1400 vengono tutelate le Arti e la Cultura.

Ma perché un galeone come logo? 
In Moby Dick, di Melville, si legge:

“Queequeg era nativo di Rokovoko, un'isola lontanissima all'Ovest e al Sud. Non è segnata in nessuna carta: i luoghi veri non lo sono mai...”
 Un galeone per intraprendere un viaggio verso una meta difficile da raggiungere ma vera; un luogo che sta da qualche parte là avanti, nel futuro dei ragazzi, degli studenti di cinema. Il galeone è quindi l’immagine metaforica della “Scuola” con la quale raggiungere quell’isola che non è segnata su nessuna carta, sperduta nell’oceano, ma che potrebbe svelare lo scopo di una vita attraverso la possibilità di apprendere almeno la conoscenza di una professione oggi molto ambita ma anche faticosa, tutt’altro che romantica.


Un Festival, ora arrivato alla sua seconda edizione, innovativo e in assoluto l’unico, in Italia, dedicato esclusivamente alle Scuole di Cinema.
Una vetrina internazionale dove gli allievi delle Scuole possono mostrare i loro lavori, incontrarsi e confrontarsi, in luogo particolarmente suggestivo e carico di Storia Cinematografica. 
A Pennabilli infatti, grazie allo sceneggiatore Tonino Guerra che qui abitava, si sono fermati i più grandi registi del mondo, da Michelangelo Antonioni a Wim Wenders, da Andrej Tarkovskij a Theo Angelopoulos, solo per citarne alcuni.
Per questo ci siamo dati un impegno, per ora quinquennale, affinché Pennabilli diventi un faro per tutte le Scuole di Cinema del mondo, un porto sicuro dove poter ormeggiare il loro galeone.

I cinque giorni del Festival trascorsi a Pennabilli regaleranno così ai ragazzi l’emozione di essere stati loro, almeno per una volta, la vera forza propulsiva dell’evento. Così come i cittadini di Pennabilli saranno orgogliosi di ospitare, nel loro paese, un Festival finalmente originale e unico nel suo genere. Soprattutto un Festival necessario.

 

Maurizio Zaccaro

Direttore Artistico Montefeltro F.S.F. 2016

 

  

GIURIA INTERNAZIONALE - INTERNATIONAL JURY

FILM IN CONCORSO - SELEZIONE UFFICIALE

 

MAIN COMPETITION - OFFICIAL SELECTION

 

 

  MN GENERE REGISTA SCUOLA NAZIONE

19 LUGLIO

         
3 14 10 animation Patricio Marin Avelar Universidad Iberico Americana Mexico
How to be alone 22 fiction EREZ EISENSTEIN Tel-Aviv University Israel
Sea Dog 24 doc Elisha Albert Femis France
JAGON 25 fiction Murat Eyüp Gönültas Filmakademie Baden-Württemberg Germany
Semele 14 fiction Myrsini Aristidou New York Tisch University Cipro/USA
Is longing ereditary? 13 doc Gitte Hellwig Film Univ. Conrad Wolf Babelsberg Germany
Another Everest 4 animation Gavin Lankford - Zing Grem UNCSA Univ of North Carolina USA
Fuego (Fire) 12 animation Pablo Penchansky (Pencha) UBA Argentina
My Silicone Love 28 doc Sophie Dros Netherland Film Akademy Netherland
           
Durata totale 152        
           

20 LUGLIO

         
Lives of Mecca 52 doc Stefano Etter CISA Lugano Svizzera
HUM 9 animation Tom Teller Chapman University of Film USA
Sea breeze 29 fiction Chun-Yi Li London Film School UK
Living Behind numbers 15 doc Martin Read NFS/USW UK
Flowers 19 fiction Judita Gamulin ADU Croatia
Silente 9 fiction Paco Ruiz ESCAC Spagna
Nice to Meeteor You 6 animation Yizhou Li USC USA
Tutte le cose sono piene di lei 22 fiction Maria Tilli Centro Sperimentale Roma Italia
           
Durata totale 161        
           

21 LUGLIO

         
XYZ 24 fiction M. Tikal (Maxime Hourdain) INSAS Belgio
Edmond 10 animation Nina Gantz NFTS UK
Strange Bird 15 fiction Anouk Fortunier LUCA school of Art Belgio
Front view of my father 28 doc Nicoline Scotte Jacobsen DDF National film School Denmark Denmark
Everything Will be Okay 30 fiction Patrick Vollrath Filmakademie Wien Austria
Woody Gold 10 fiction Robin Boissevan European Film College Denmark
Nightingale Rose 7 animation Anastasia Chernova VGIK Russia
Education 20 doc Emil Mazurkjecicz National Film School Lodz Poland
Beach Boys 16 fiction Jérémie Sein Femis France
           
Durata totale 160        
           

22 LUGLIO

         
Poubelle 18 fiction Alexandre Gilmet Insas Belgio
Take a way 14 fiction Georg Cantos ECAM Spagna
Semper Idem 14 fiction Nachman Picovsky Sam Spiegel Film  School Israel
Gute Nacht 7 animation Henning Backhaus UMDK Filmakademie Wien Austria
Buono per gli occhi 18 fiction Alessandro D'Onghia Civica Milano Italia
My grandmother 30 doc Jurgen Agushi AFMM Akadem Filmit Mult. Maruti Albania
Cinderella 26 doc Alexander Zubovlenko VGIK Russia
The mute's house 30 doc Tamar Kay Sam Spiegel Israel
           
Durata totale 157        

 

EVENTI SPECIALI 

SPECIAL EVENTS

19 LUGLIO 2016 - ORE 21 -

ANFITEATRO DI PENNABILLI

Prestigiosa serata d’inaugurazione della seconda edizione del Montefeltro Film School Festival 2016 con due protagonisti della scena letteraria e cinematografica italiana e internazionale:

 

SERGIO CASTELLITTO E MARGARET MAZZANTINI

 

Martedì19 luglio alle ore 21, va in scena “Mare al mattino” il reading tratto dall’omonimo romanzo della scrittrice Premio Strega nel 2001 con “Non ti muovere” e Premio Campiello nel 2009 con “Venuto al mondo”.

 

MARE AL MATTINO

 

Farid è un bambino libico, la sua casa è circondata dal deserto, il suo migliore amico è una gazzella che lo guarda teneramente. Quando tutto sembra perduto, la madre giovane e bella, Jamila, cerca di fuggire via mare su una piccola barca, insieme a molti altri, in cerca di libertà da una dittatura feroce. Farid non aveva mai visto il mare, questa grande, superficie blu che non mantiene la promessa di una nuova vita, diventando invece il loro carcere.

Vito è un ragazzo siciliano che è cresciuto ascoltando le storie raccontate da sua madre e sua nonna, appartenenti alla comunità italiana che Gheddafi ha cacciato da Tripoli negli anni Settanta. Vito sta guardando lo stesso tratto di mare tra Italia e Libia, ma dalla spiaggia di un’isola sul lato opposto. Un racconto di toccante intensità, Mare al mattino affronta il tema universale della migrazione delle persone, il destino di coloro che diventano esiliati dalla loro case, dai parenti e dalle radici, la violenza della guerra e della natura, la forza delle donne, quando si deve difendere il futuro dei loro figli, la speranza del genere umano per una vita migliore. Un’opera che conferma il talento di Margaret Mazzantini come scrittrice vicino al cuore dei lettori, che sa descrivere con il linguaggio terso della letteratura gli aspetti più oscuri della nostra presenza, con l’impegno di difendere il diritto di tutti gli esseri umani alla dignità e di rispettare e valorizzare il dovere di tutte le persone adulte di far crescere figli che siano felici.

 

Luogo del reading di Sergio Castellitto: Anfiteatro di Pennabilli

In caso di maltempo: Teatro Vittoria

 

Ingresso libero ad esaurimento posti

 

 

Prestigious opening event in Pennabilli (Rimini) for the second edition of the Montefeltro Film School Festival 2016 with two protagonists on the literary and cinema scene, both in Italy and abroad: SERGIO CASTELLITTO and MARGARET MAZZANTINI. 

On Tuesday, July 19 at 9 pm don’t miss “Mare al mattino” (Morning Sea), a reading based on the novel by the same name by Mazzantini, winner of the 2001 Premio Strega for Don’t Move and of the 2009 Premio Campiello for Twice Born.

 

MORNING SEA 


 

Farid is a boy from Libya. His home is surrounded by the desert and his best friend is a gazelle who tenderly looks upon him. Right when everything seems lost, his young and beautiful mother, Jamila, tries to escape across the sea on a small boat, together with many others, in search of freedom from a ferocious dictatorship. Farid had never seen the sea before—this vast blue expanse that can’t keep its promise of a new life, but instead proves to be a prison.

Vito is a Sicilian boy who grew up listening to stories his mother and grandmother told him; they were once part of the Italian community Gaddafi exiled from Tripoli in the 1970s. Vito looks at that same stretch of sea between Italy and Libya, but from the shore of the island opposite. A touchingly intense story, Morning Sea deals with the universal theme of migration, the fate of those who are exiled from their own homes, from relatives, and from their roots, the violence of war and nature, the strength of women when the future of their children must be defended, and the hope of humans for a better life. This work confirms Margaret Mazzantini’s talent as a writer close to the hearts of her readers, able to vividly describe the darkest aspects of our presence, committed to defending the right of all humans to dignity and to respecting and enhancing the right of all adults to allow their children to grow up happy.

Sergio Castellitto’s reading location: Anfiteatro - Pennabilli (RN)
. In the event of bad weather: Teatro Vittoria

Free admission while seats last

20 LUGLIO 2016 - ORE 21 -  

ANFITEATRO DI PENNABILLI

MONTEFELTRO FILM SCHOOL FESTIVAL 2016

 

Gli YO YO MUNDI a PENNABILLI.


Mercoledì 20 luglio alle ore 21 grande concerto visivo della storica band folk rock YO YO MUNDI, che si esibirà in piazza Vittorio Emanuele con SCIOPERO. 
Il titolo non poteva essere più rappresentativo dal momento che le musiche della band piemontese costituiscono il commento sonoro dell'omonimo film (1924) di Sergej Ejzenstein, capolavoro del muto e tappa fondamentale nella storia del cinema.

in caso di maltempo il concerto si terrà al cinema Gambrinus
INGRESSO LIBERO AD ESAURIMENTO POSTI

 
 
 

21 LUGLIO 2016 - ORE 21 -

ANFITEATRO DI PENNABILLI

NEWS.

MONTEFELTRO FILM SCHOOL FESTIVAL 2016

LA REGISTA CHRISTINA ROSENDAHL (DANIMARCA) A PENNABILLI

21 LUGLIO 2016 - ORE 21 - ANFITEATRO DI PENNABILLI

UN STRAORDINARIO EVENTO CON UN THRILLER AMBIENTALISTA DI GRANDE IMPATTO, CHE IL PUBBLICO ITALIANO NON POTRA' MAI VEDERE IN SALA.

"IDEALISTEN" - "THE IDEALIST"  
sottotitoli in italiano - ingresso libero

Un film scritto e diretto da Christina Rosendahl 

 

LA REGISTA SARA' PRESENTE ALLA PROIEZIONE. IL GIORNO DOPO, 22 LUGLIO ALLE ORE 10, TERRA' UNA MASTERCLASS AL CINEMA GAMBRINUS. 

*** 

21 gennaio 1968 un bombardiere americano B-52, carico di testate nucleari, si schianta tra i ghiacci della Groenlandia. Le autorità statunitensi e danesi, che sorvegliano la zona, dichiarano la situazione sotto controllo e dopo otto mesi di bonifica fanno rientrare l’emergenza. Diciotto anni dopo, il giornalista Poul Brink, zelante e tenace, viene a conoscenza di alcune misteriose testimonianze sulla catastrofe aerea. Ben presto, i sospetti di trovarsi di fronte a un caso di insabbiamento politico si fanno sempre più forti e per Brink ha inizio un viaggio solitario alla ricerca della verità.
«In The Idealist mi sono battuta per creare un film coinvolgente e inquietante su un idealista irremovibile che si scontra con trame più grandi di lui, legate a eventi di portata storica e collegati alla politica. È la storia di un giornalista estremamente impegnato che segue gli indizi per giungere a svelare uno dei più grandi scandali della recente storia danese».
**
On January 21ST, 1968, an American B-52 bomber, loaded with nuclear warheads, crashes amid the glaciers of Greenland. The American and Danish authorities who monitor the area declare that the situation is under control and after eight months of remediation announce the emergency is over. Eighteen years later, the journalist Poul Brink, zealous and determined, accidentally gets word of some mysterious testimony regarding the plane crash. The suspicion soon starts to grow in him that this is a case of a political cover-up and Brink sets off on a solitary journey in search of the truth.
“In The Idealist, I have strived to create an engaging and disturbing film about an uncompromising idealist set against a gigantic canvas of political and historical events. It’s a story about a highly dedicated journalist, who follows the clues to the revelation of one of the greatest scandals in recent Danish history.”

***

Christina Rosendahl (Nykøbing Falster, Danimarca, 1971) ha studiato all’Università di Copenaghen, presso l’European Film College e la New York Film Academy, per poi diplomarsi nel 2002 alla Super16 Film School. Come regista ha esordito nel 2001 con il cortometraggio documentario A Fine Line, a cui sono seguiti altri corti sia documentari sia di finzione, e la regia di episodi di serie televisive.
Ha debuttato nel lungometraggio
nel 2006 con Triple Dare, presentato alla Festa internazionale di Roma.
Christina Rosendahl (Nykøbing Falster, Denmark, 1971) studied at the University of Copenhagen, the European Film College and the New York Film Academy, to then graduate in 2002 from the Super16 Film School. She debuted as a director in 2001 with the documentary short A Fine Line, which was followed by other shorts, both documentary and fiction, and directing stints for episodes of TV series. She debuted in feature films in 2006 with Triple Dare, presented at the Rome Film Festival.
filmografia/filmography
En streg (A Fine Line, cm, doc., 2001), Stjernekigger (Stargazer, doc., 2002), Lauges kat (cm, 2003), Buddhas Barn (doc., 2003), Magten over kærligheden (tv, doc., 2004), Lauge’s Cat (cm, 2004), Swan Lee Live at Vega and Roskilde (video, doc., 2004), Fucking 14 (cm, 2005), Supervoksen (Triple Dare, 2006), Too Young to Die (cm, 2007), Crybaby (cm, 2008), Lulu & Leon (tv, ep., 2009-2010), Lysvågen
(I Lie Awake, cm, 2010), Idealisten (The Idealist, 2015).

****


THE IDEALIST
regia/director Christina Rosendahl soggetto/story dal romanzo/from the novel Thule-sagen - Løgnens univers di/from Poul Brink sceneggiatura/screenplay Lars K. Andersen, Simon Pasternak, Birgitte Stærmose, Christina Rosendahl fotografia/cinematography Laust Trier Mørk montaggio/film editing Janus Billeskov Jansen, Olivier Bugge Coutté, Molly Malene Stensgaard scenografia/ production design Nikolaj Danielsen, M. Wan Sputnick musica/music Jonas Struck, Christoffer Møller suono/sound Peter Albrechtsen interpreti e personaggi/ cast and characters Peter Plaugborg (Poul Brink), Søren Malling (Marius Schmidt), Thomas Bo Larsen (Carl Dinesen), Arly Jover (Estibaliz) produttori/producers Jonas Frederiksen, Signe Leick Jensen, Ane Mandrup produzione/production Toolbox Film ApS coproduzione/coproduction Rosendahl Film, Cinevita Film Company

 

 

 

22 LUGLIO 2016 - ORE 21 -

ANFITEATRO DI PENNABILLI

 

"THEEB"

di

 

NAJI ABU NOWAR

IL REGISTA NAJI ABU NOWAR  (GIORDANIA) SARA' PRESENTE ALLA PROIEZIONE 

Naji Abu Nowar (nato nel 1981) è un regista britannico-giordano, sceneggiatore e produttore. Conosciuto per le sue opere Death of a Boxer (2009), Till Death (2012) and Theeb (2014) per le quali ha ricevuto diversi consensi e riconoscimenti internazionali, tra cui una nomination come miglior film straniero alla 88a Academy Awards, e il premio BAFTA per Debutti d’Eccellenza di Sceneggiatori, Registi o Produttori britannici alla 69a British Academy Film Awards. Theeb è il primo film giordano a ricevere una nomination all’Oscar.

Sinossi

Arabia, 1916. Theeb vive con la sua tribù beduina in un angolo sperduto dell’Impero Ottomano. Dopo la recente scomparsa del padre, spetta a suo fratello Hussein prendersi cura di lui. Hussein cerca di insegnare a Theeb lo stile di vita dei beduini, ma il ragazzino
è più interessato a combinare guai che a farsi guidare da un mentore. La loro routine si
interrompe con l’arrivo di un ufficiale dell’esercito britannico e della sua guida, impegnati in una misteriosa missione. Non potendo rifiutare di aiutare i suoi ospiti Hussein acconsente
a scortare i due fino alla loro meta. Temendo di perdere il fratello, Theeb lo insegue e
intraprende un viaggio pericoloso attraverso il Deserto Arabico, un aspro territorio diventato terreno di caccia di mercenari ottomani, rivoluzionari arabi e predoni beduini reietti. Se Theeb vuole sopravvivere, dovrà imparare in fretta che cosa siano la maturità, la fiducia

e il tradimento, e dovrà essere all’altezza del nome che gli ha dato suo padre. Theeb letteralmente significa “lupo”, animale che nella cultura araba viene temuto e rispettato per il suo coraggio e per la sua capacità di bastare a sé stesso

Dichiarazione del regista

“Secondo la legge beduina, se uno straniero arriva alla tua tenda e chiede rifugio, devi offrirgli protezione finché il pericolo non sia superato. Questo imperativo viene chiamato “legge del Dakheel” e, a prescindere dalla circostanze, proteggere il “Dakheel” è considerato un dovere sacro del padrone di casa. La reputazione di un uomo dipende da come si comporta in queste circostanze difficili.
Più la situazione è impossibile, maggiore è il rispetto che riceve per aver rispettato la legge. Queste usanze nascono dall’ambiente dei beduini, il deserto. I beduini sono famosi per la loro generosa ospitalità poiché nel deserto bisogna poter contare sulla gentilezza degli estranei per sopravvivere. Il territorio è troppo aspro e l’acqua e il cibo troppo scarsi per comportarsi in maniera egoista. È stata la combinazione tra una cultura basata sulla cooperazione per la sopravvivenza e un dilemma morale del tipo del “Dakheel” a fornire l’idea iniziale di Theeb. Che cosa succederebbe se vi trovaste nei
guai assieme al vostro peggior nemico ma aveste bisogno del suo aiuto per sopravvivere? Come si svilupperebbe questa relazione?” 

Naji Abu Nowar (born 1981) is a British-Jordanian film director, writer and producer. Best known for his works Death of a Boxer (2009), Till Death (2012) and Theeb (2014) for which he received wide spread acclaim and recognition, including a Best Foreign Language Film nomination at 88th Academy Awards, nomination for Best film not in the English language, and the BAFTA Award for Outstanding Debut by a British Writer, Director or Producer at the 69th British Academy Film Awards. Theeb is the first Jordanian film to receive an Oscar nomination.

Synopsis

Arabia, 1916. Theeb lives with his Bedouin tribe in an isolated part of the Ottoman Empire. Shortly after the death of his father, it’s up to his brother Hussein to take care of him. Hussein tries to teach Theeb the Bedouin lifestyle, but the boy is more interested in getting into trouble than learning from his big brother. Their routine is broken when a British officer arrives with his guide on a mysterious mission. Since he cannot refuse his guests, Hussein agrees to accompany them to their destination. Afraid of losing his brother, Theeb follows him and embarks on a dangerous journey across the Arabian Desert, a barren land and hunting ground of Ottoman mercenaries, Arabian revolutionaries, and criminal outcasts. If Theeb wants to survive, he must quickly learn about maturity, trust, and betrayal, and he must be able to defend his name. Theeb literally means “wolf,” which in Arabian culture is an animal that is feared and respected for its courage and ability to rely upon itself.

Director’s statement

“According to Bedouin tradition, if a stranger arrives at your tent and asks for shelter, you must offer protection until the danger has passed. This duty is called the ‘law of Dakheel’ and, regardless of
the circumstance, protecting the ‘Dakheel’ is considered a sacred duty of the family head. A man’s reputation depends on how he behaves in these difficult circumstances. The more a situation is impossible, the more respect he receives for having honored the law. These customs are born from the Bedouin surroundings: the desert. The Bedouins are famous for their generous hospitality, since in the desert you need to count on the generosity of strangers in order to survive. The land is too barren while the water and food are too little. So no one can be selfish. It was a combination between a culture based on cooperation for survival and a moral dilemma in ‘Dakheel’ style that gave me the initial idea for ‘Theeb.’ What would happen if you found yourself in trouble with your worst enemy but you need his help to survive? How would it play out?” 

23 LUGLIO 2016 - ORE 16 -

CINEMA GAMBRINUS

 

"MUSTANG"

di

 

Deniz Gamze Erguven 

 

Il suo film di debutto Mustang, presentato alla Quinzaine des Réalisateurs del Festival di Cannes 2015, è stato accolto in maniera molto positiva. Proposto dalla Francia come film per rappresentarla agli Oscar, ha ricevuto una candidatura ai premi Oscar 2016 come miglior film straniero, ai Golden Globe 2016 nella medesima categoria e nove candidature ai premi César 2016 fra cui miglior film, migliore opera prima e miglior regia. Il film ha vinto inoltre l’European Film Awards per la miglior rivelazione - Prix Fassbinder nel 2015. 

Sinossi 

Siamo all’inizio dell’estate. In un remoto villaggio turco Lale e le sue quattro sorelle scatenano uno scandalo dalle conseguenze inattese per essersi messe a giocare con dei ragazzini tornando da scuola. La casa in cui vivono con la famiglia si trasforma un po’ alla volta in una prigione, i corsi di economia domestica prendono il posto della scuola e per loro cominciano ad essere combinati i matrimoni. Le cinque sorelle, animate dallo stesso desiderio di libertà, si sottrarranno alle costrizioni loro imposte.

 

 

Her debut film, “Mustang,” was presented at the Quinzaine des Réalisateurs during the Cannes Film Festival 2015 and attracted much attention. It represented France at the Oscars in 2016 as best foreign film, at the Golden Globes 2016 in the same category, and earned nine nominations for the César 2016, including best film, best debut work, and best directing. The film also won the European Film Awards for best emerging director - Prix Fassbinder in 2015.

Synopsis

Summer has just begun. In a remote Turkish village, Lale and her four sisters cause a scandal of unexpected proportions after playing around with some boys while on their way home from school. Their house slowly becomes a prison, they are schooled at home, and their marriages are arranged. The five sisters, who all desire freedom, escape from these restrictions.

SI CHIAMA PUCK ED E' LA MASCOTTE UFFICIALE DEL MONTEFELTRO FILM SCHOOL FESTIVAL 2016 

LO TROVERETE A PENNABILLI DAL 19 AL 23 LUGLIO


Il Montefeltro Film School Festival aderisce al protocollo europeo per il cinema sostenibile basato sulle seguenti attività: consumi energetici, trasporti di merci, trasporti di persone, consumi di materiali (carta, plastica, vetro, ecc.), gestione dei rifiuti, catering, coordinamento e comunicazione interna e compensazione. E' quindi una manifestazione eco-sostenibile e animal friendly.

______________

This is Puck, and he’s the official mascot of the Montefeltro Film School Festival 2016

You’ll find him in Pennabilli from July 19th to 23rd

 
The Montefeltro Film School Festival supports the European protocol for sustainable cinema, based on the following activities: energy consumption, freight transport, passenger transport, consumption of materials (paper, plastic, glass, etc.), waste management, catering, coordination and internal communication, compensation. Therefore, this is an eco-sustainable and animal friendly event.

ARCHIVIO PRIMA EDIZIONE 2015 

FIRST EDITION 2015 ARCHIVE

Tommaso Pitta, vincitore del Montefeltro School Festival di Pennabilli che, con ‘ALL THE PAIN OF THE WORLD"’, si è aggiudicato il premio per la miglior regia. Pitta si è diplomato alla milanese Paolo Grassi per poi frequentare la prestigiosa NFTS- National Film And Television School di Londra. Il festival, ideato dal Dr. Roberto Valducci e dal regista Maurizio Zaccaro è l'unico in Italia interamente dedicato alle scuole di cinema di tutto il mondo. Lunga vita a questa originale e bellissima manifestazione.

O.D.G Pennabilli

DAY 5

 

ORTO DEI FRUTTI DIMENTICATI ore 11


“Il Montefeltro Film School Festival - presente e futuro"


a cura di Maurizio Zaccaro e Piergiorgio Gay


a seguire:

 

"RICORDANDO TONINO GUERRA, SCENEGGIATORE E POETA"

“ Non è vero che uno più uno fa sempre due; una goccia più una goccia fa una goccia 
più grande. 
(Tonino Guerra, Nostalghia)
___________________________________________________

 

ORE 14,30
BREVE VIAGGIO
Visita ai luoghi di Tonino Guerra

 

ORE 16,30
IL CINEMA DI TONINO GUERRA
Interventi di Lora Guerra, Lorenzo Valenti,  Gigi Mattei 
proiezione Masterclass di Tonino Guerra 
video-interviste ai collaboratori storici
(Francesco Rosi, Giuseppe Tornatore, Carlo Petrini)

 

ORE 18
Visita alla Casa, al Giardino, alla Roccia del Poeta, 
Volo degli Aquiloni

 

ORE 20, 30 
ANFITEATRO - TERESA SAPONANGELO - READING DALLA SCENEGGIATURA

"LA NOTTE DI SAN LORENZO" (1982)

di Paolo taviani, Vittorio Taviani e Tonino Guerra

ore 21 
LA NOTTE DI SAN LORENZO
Di Paolo e Vittorio Taviani


Una voce femminile fuori campo racconta. In una notte di San Lorenzo (10 agosto) del '44, nel paese di San Miniato nella campagna toscana, i tedeschi, che stanno evacuando, convincono il vescovo a raccogliere la gente nella chiesa con la promessa di lasciare tutti in vita. Ma una parte della popolazione dà retta a Galvano, che preferisce la fuga (con ragione perché la chiesa salterà in aria). I fuggitivi, dopo un percorso di paura con poche parentesi di serenità, riusciranno a raggiungere la libertà. Un bellissimo film dei fratelli Taviani premiato a Cannes. Un film corale, con momenti di alta poesia, dovuta anche alla bravura degli attori fra cui spicca Omero Antonutti .

 

IN CASO DI MALTEMPO, STESSI ORARI, AL CINEMA GAMBRINUS

DAY 4

 

ORE 11 - CINEMA GAMBRINUS - MASTERCLASS CON L'ATTORE, REGISTA, PRODUTTORE E DIRETTORE ARTISTICO

DEL CENTRO SPERIMENTALE DI CINEMATOGRAFIA  DI MILANO

MAURIZIO NICHETTI

 

ORE 16,30 - CINEMA GAMBRINUS  - PROIEZIONE FILM IN CONCORSO

 

ORE 20,30 - ANFITEATRO DI PENNABILLI - CONCERTO PER FISARMONICA DI CARMINE IOANNA

 

ORE 21 - CERIMONIA DI PREMIAZIONE

 

ORE 21,30 - PROIEZIONE SPECIALE FILM VINCITORI

 

DAY 3

 

EVENTO SPECIALE - ANFITEATRO DI PENNABILLI  ORE 21 -  THE GRUMP  di DOME KARUKOSKI - FINLANDIA 

 

in cso di maltempo la proiezione si terrà alla stessa ora presso il cinema Gambrinus diu Pennabilli

The Grump (Mielensäpahoittaja) di Dome Karukoski. Con Antti Litja, Mikko Neuvonen, Alina Tomnikov, Mari Perankoski, Kari Ketonen, Janne Reinikainen, Iikka Forss, Petra Frey. La testardaggine di un uomo, anziano e irascibile, viene messa a dura prova dalla improvvisa coesistenza con la nuora, una donna dalla mentalità moderna. Inizialmente i due si scontrano duramente ma, col trascorrere dei giorni, scoprono di avere molto da imparare l’uno dall’altra. Così, quello che era iniziato come un tragicomico disastro si rivela essere una storia toccante a lieto fine.

DAY 2

 

EVENTO SPECIALE - ANFITEATRO DI PENNABILLI ORE 21 - MONUMENT TO MICHAEL JACKSON di DARKO LUNGULOV (SERBIA)

LA RECENSIONE

Non è poi bizzarra come può sembrare la vicenda al centro della commedia "Il monumento a Michael Jackson" del regista serbo Darko Lungulov, presentato questo pomeriggio alle 16.00 in anteprima nazionale, nell'ambito di Trieste Film Festival. In una piccola cittadina della Serbia, dove il lavoro scarseggia e le prospettive languono, un vecchio monumento dell'epoca comunista viene rimosso dalla piazza. Per Marko, barbiere del paesotto e inguaribile sognatore, questa rappresenta un'imperdibile occasione di riscatto. La moglie Ljubinka, infatti, delusa e in fuga dalla vita di provincia, vuole chiedere il divorzio. Nella speranza di riconquistarla e al tempo stesso di risollevare le sorti della cittadina dal lento declino nel quale sta sprofondando, a Marko viene l'idea di sostituire il vecchio monumento con una nuova statua, dedicata a Michael Jackson. «Mi sono ispirato - dice il regista - alla bizzarra tendenza dilagata di recente in alcune piccole città della Serbia e dei Balcani, dove si innalzano monumenti dedicati a icone pop come Rocky, Tarzan o Bruce Lee. Gli eroi della Seconda Guerra Mondiale della Jugoslavia socialista - prosegue - non sono più politicamente corretti e i monumenti a loro dedicati vengono rimossi. Mentre al tempo stesso la recente e sanguinosa guerra civile non ha lasciato eroi da celebrare. In un mondo senza eroi è quasi scontato che la gente possa avere la folle idea di costruire monumenti per "ricordare" eroi senza vita, come i personaggi dei film hollywoodiani». L'attenzione che il cinema serbo negli ultimi anni riserva al tema dell'elaborazione del trauma post-bellico, raggiunge anche la commedia. E le imperfezioni della sceneggiatura e dei tempi della commedia non compromettono la commovente lucidità di sguardo sulla Serbia di oggi. In una società dove lo smarrimento è il sentimento principale, dove mancano lavoro, futuro e opportunità e fermenti nazionalisti sono sempre latenti, si può ancora provare a sognare e a costruire un mondo migliore. Il finale crescente e per nulla scontato restituirà alla città un eroe a cui guardare. Beatrice Fiorentino

Nella foto : Darko Lungunov, regista

DAY 1

 

 29 LUGLIO 2015  - EVENTO SPECIALE - TEATRO VITTORIA, PENNABILLI ORE 20,30 - GIUSEPPE BATTISTON ORSON WELLES' ROAST

 

PROGRAMMA - 29 LUGLIO 2015

 

CINEMA GAMBRINUS - ore 12,30

 

- Inaugurazione Festival alla presenza del Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

On. Dario Franceschini.

- Proiezione del film"Pride of Strathmoor" di Einar Baldvin ArnasonUniversity of Southern California, LA – (animazione) 8'.32"

 

CINEMA GAMBRINUS - ore 16,30

Concorso Scuole di Cinema

 

- Symphony no. 24/Animation/10:00 Reka BucsiMoholy-Nagy School, Budapest-

- Sunny / Fiction 29' Barbara OttFilmakademie Baden-Wuerttemberg-

- Photofinish / Doc / 30'Civica Milano-

- Pravomil / Fiction / 24' Pavel NosekFAMU-

- Life in the Darkness / Fiction / 11 Mike CollinsUniversity of Central Florida-

- Sunday Dinner with the Morgans/ Fiction 12'Alex Forbes University Creative Arts in Farnham-

- Role Play/Fiction/15:50 Brynach DayUCLA Film School-
- Remember When We Kissed/Fiction 11' Nayef HammoudSam Spiegel Film

School

 

TEATRO VITTORIA - ore 20,30
Evento Speciale


Giuseppe Battiston - Orson Wellesʼ roast / 75'

 

ANFITEATRO - ore 22,15
Concorso - Scuole di Cinema


- Comme une Grande. fiction 43' Heloise PelloquetFemis

 

il 29 luglio ogni sezione sarà introdotta da un brano della ZampognaOrchestra – Live -

L'ingresso a tutti gli eventi è libero.

 

 

 

 

PROGRAMMA - 30 LUGLIO 2015

 

CINEMA GAMBRINUS - ore 11,00

Masterclass con l'attore Giuseppe Battiston

 

CINEMA GAMBRINUS - ore 16,30Concorso Scuole di Cinema

 

- Wrapped /animation 4' Faelko PaeperFilmakademie Baden-Wuerttemberg -- Nadeshda/documentary/47' Anna Ewert & Falk MullerFilm Munchen
-
Shadowboxer / Doc 17' Jannis LenzFilmakademie Wien Austria-
- Adam's Ail/Animation/8:44 Amelia HarveyNYU Tisch School of Arts USA

- Rockero Reyes / Fiction / 26' Romina CohnUCINE Argentina-
-
Fragments/Fiction/ 25 Aga WoszczyńskaThe National Film School in Lodz

Poland
- What we did before / Fiction / 30' ArasonovaFAMU Cech Republic-

- All the Pain in the World /Fiction 12:20 Tommaso PittaNFTS London Italy- Argon / Fiction / 5'CSC Milano Italia

 

ANFITEATRO ore 20,30

Zampogna Orchestra Live Concert "Bag To the Future"

ANFITEATRO - ore 21 Evento Speciale

- Monument to Michael Jackson - di Darko Lungulov (Serbia)alla presenza del regista

 

PROGRAMMA - 31 LUGLIO 2015

 

CINEMA GAMBRINUS - ore 11

Masterclass con il regista Darko Lungulov (Serbia)

 

CINEMA GAMBRINUS - ore 16,30

Concorso Scuole di Cinema

 

- Juillet Electrique / fiction / 23.40 Remi BigotFemis France

- Lookout /Fiction / 18' Noa GusakovSam Spiegel Film School Israel

- Monstre / Fiction / 18' Delphine GirardInsas Belgio

- Signs Everywhere / Fiction / 12' Julio RamirezTheFilmSchool USA

- Die Hälfte der Welt / Fiction 18' Jerome FurrerZHdk Zurich Suisse

- Has Anyone Seen Eyal Nurich /Fiction / 15' Shira PoratTel Aviv University Israel

-Nowhere Place/Documentary/27:00 Susanne Opstal Netherlands Film Academy Netherland

-N. King/ Fiction /11:00 Kali KasashimaUniversity of Hawaii at Manoa USA- Pride of Strathmoor/Animation/8:32Einar Baldvin Arnason USC, LA Iceland

-Call it Blue / Fiction / 13 Julia Hendrickson- Ryerson University Canada-Gleichgewicht (Keeping Balance) / Doc 5'Bernhard Wenger Filmakademie

Wien Austria

 

TEATRO VITTORIA - ore 20,30

ReplicaGiuseppe Battiston - Orson Well's Roast 75'

 

ANFITEATRO - ore 21 Evento Speciale

THE GRUMP di Dome Karukoski – Finlandia

 

 

 

 

PROGRAMMA - 1 agosto 2015

 

CINEMA GAMBRINUS - ore 11

 

Masterclass con l'attore e regista Maurizio Nichetti, direttore artistico del Centro Sperimentale di Cinematografia di Milano

 

CINEMA GAMBRINUS - ore 16,30Concorso Scuole di Cinema

 

- Underground / Doc / 14' Maxime BultotInsas Bejing Belgio
- The Return of Erkin / Fiction / 35' Maria GuskovaRussia
- Overtime / Fiction / 18 Maya SarfatyTel Aviv University Israel
- The Bigger Picture/ Animation 7' Daisy JacobsNFTS London UK
- Nocebo/Fiction/38:00 Lennart RuffUniversity TV and Film Munich
- Project Mette / Doc / 10 Sofie BergsteinEFA Danimarca
- Bandito / Narrative /15' Evan KelmanNYU Tisch School of Arts USA - Discipline ( Fiction / 12 Cristophe SaberECAL Suisse
- La Nube / Fiction / 24 Marcel Beltrán EICTVCuba

 

ANFITEATRO - Ore 20, 30
- Concerto per fisarmonica di Carmine Joanna
- Cerimonia di premiazione"Miglior Film" e "Miglior film innovativo"

- PROIEZIONE SPECIALE FILM VINCITORI MONTEFELTRO FSF

 

 

PROGRAMMA - 2 agosto 2015

 

ORTO DEI FRUTTI DIMENTICATI  ore 11 

 

“Montefeltro Film School Festival - presente e futuro"

a cura di Maurizio Zaccaro e Piergiorgio Gay

 

a seguire

 

RICORDANDO

TONINO GUERRA

 

_____________________________

 

 

ore 14,30

BREVE VIAGGIO

Visita ai luoghi di Tonino Guerra

 

 

ore 16,30

IL CINEMA DI TONINO GUERRA

Interventi di Lora Guerra, Lorenzo Valenti, Luca Cesari, Gigi Mattei

 

proiezione Masterclass di Tonino Guerra

 

video-interviste ai collaboratori storici

Francesco Rosi, Giuseppe Tornatore, Carlo Petrini

 

ore 18

Visita alla Casa, al Giardino, alla Roccia del Poeta, Volo degli Aquiloni

 

Ore 20,30

ANFITEATRO: READING PER TONINO GUERRA

 

TERESA SAPONANGELO

interpreta alcuni brani dalle sceneggiature di Tonino Guerra

La notte di San Lorenzo, Amarcord, Ginger e Fred, Il male oscuro

 

Ore 21,15

Proiezione film

LA NOTTE DI SAN LORENZO

di Paolo e Vittorio Taviani

nella versione digitalizzata a cura della 

CINETECA DI MILANO

 

 

 

 

“Friend, you are a divine mingle-mangle of guts and stardust. So hang in there! If doors opened for me, they can open for anyone.” Frank Capra

We have conceived a new festival that will bring works by some of the most prestigious Film Schools across the world to the heart of Romagna (Italy), and more precisely, to Pennabilli, Tonino Guerra’s town. 
The MONTEFELTRO FILM SCHOOL FESTIVAL is born, and is entirely devoted to the works of young film students, who may participate in the Official Selection with films of any format and length (fiction, documentary, animation). 
This year the festival will take place from July 29 to August 1, 2015. 
A week full of screenings, master classes, workshops, and famous guests – all in the name of the future generation of filmmakers. 
The MONTEFELTRO FILM SCHOOL FESTIVAL is a selection of the best short films from among the most acclaimed International Film Schools. 
The Jury will assign two prizes: “Best Film Director Apprentice” and “Best Innovative Film.”
The deadline for submission/application is June 15, 2015.
montefeltrofsf@aol.com

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
Montefeltro F.S.F. 2015 © COPYRIGHT Tutti i contenuti, marchi, logo, icone, testi, ecc. di questo sito sono di proprietà di FreeSolo Produzioni srl e sono disciplinati e protetti dalle leggi italiane e internazionali sul diritto d’autore. I loghi e marchi sono regolarmente registrati.